Post taggati spagna

Personaggi: Santi Senso: il teatro intimo “un’orgia di vita”


L’attore spagnolo Santi Senso supera di poco la trentina e già ha capito come conservare la curiosità e la ribellione di un bambino: vuole scoprire tutto e inventare cose nuove. Viene dall’agreste Estremadura e assicura che è la sua “bella pazzia” a spingerlo nelle case della gente nel mondo, per praticare il “teatro intimo”… continua

Un politico spagnolo voleva curare i gay dalla loro ‘malattia’

Josep Antoni Duran i Lleida dichiara che chiunque ha il diritto di farsi aiutare da uno psicologo a cambiare il proprio orientamento sessuale. Poi smentisce.
Tutti immaginiamo la Spagna come una sorta di paradiso degli omosessuali. È infatti noto che i gay iberici godono di molti più diritti rispetto a quelli italiani, tant’è che ormai è pratica diffusa, nei Paesi in cui ancora non è consentito il matrimonio omosessuale, andare a celebrarlo in Spagna. Eppure, ogni tanto anche nella Penisola Iberica un improvviso fulmine può abbattersi inaspettatamente su una situazione felice e in teoria stabile… continua

Il film è troppo lesbo, la Longoria censurata in Spagna

lworld:

Il Festival del Cinema Gay e Lesbico di Barcellona ha ritirato dalla programmazione Without Men, il film americano con Eva Longoria che avrebbe dovuto inaugurare la rassegna giunta alla XI edizione. “E’ un segno di protesta”, ha spiegato Xavier-Daniel, direttore del Festival, “contro la decisione del distributore spagnolo di Without Men di eliminare tutte le scene lesbiche. In questo modo lo spettatore non capirà il senso del film”… continua

L’odissea giudiziaria di una coppia di gay sposati in Spagna: “Senza tutele in Italia”

Un reggiano e un uruguaiano senza permesso di soggiorno hanno chiesto il ricongiungimento per motivi familiari che è stato negato. Ricorso al tribunale civile di Reggio. Attesa per la decisione del giudice.
Si sono sposati in Spagna, dove i matrimoni gay sono leciti. Un reggiano e un uruguaiano. Prima hanno vissuto insieme in Spagna ed ora vorrebbero farlo anche in Italia. Per l’italiano nessun problema, per il sudamericano occorre il permesso di soggiorno. Per questo la coppia ha richiesto il ricongiungimento per motivi familiari che però la questura ha negato. Il matrimonio omosessuale non è riconosciuto nel… continua

Spagna. La paura del ritorno dei popolari al governo fa scattare la corsa al matrimonio gay

A meno di due mesi di distanza dalle elezioni legislative del 20 novembre, la Spagna assiste ad un’ondata di matrimoni tra persone dello stesso sesso: dato confermato dal presidente della Federazione spagnola lesbiche, gay, transgender e bisessuali Antonio Poveda, che commenta “Quest’anno il numero di matrimoni gay è notevolmente aumentato e molte persone vengono appositamente da noi per ottenere consigli su come accelerare il processo d’unione“… (nella foto il leader dei popolari spagnoli Mariano Rajoy) continua

Apre in Spagna la prima casa di riposo per Lgbt

Anche in Spagna al via la costruzione di un centro residenziale per omosessuali E’ stato individuato nel centro di Madrid il terreno dove sorgerà presto una casa di riposo per omosessuali e lesbiche. Dopo la Germania e il Belgio anche gli anziani spagnoli potranno godere di un luogo in cui le proprie preferenze sessuali, in tarda età, non saranno più discriminatorie. Il progetto è nato dall’idea della Imnova e punta al superamento del problema della solitudine che gli omosessuali patiscono anche, e soprattutto, quando non sono più giovani… continua

L’ultimo giorno in parlamento.  Zapatero, l’addio di un leader: “È colpa mia”Ultima giornata in Parlamento per il premier spagnolo Zapatero. Si è preso le sue responsabilità sulla gestione della crisi, se ne va “non certo soddisfatto”, mentre la Spagna è passata dal sogno all’incubo in un paio d’anni. E il 20 novembre, con alcuni mesi di anticipo sulla fine naturale della legislatura, si va a votare per decidere il suo successore. I popolari sentono la vittoria in tasca, di certo si apre una fase nuova… continua

L’ultimo giorno in parlamento. Zapatero, l’addio di un leader: “È colpa mia”
Ultima giornata in Parlamento per il premier spagnolo Zapatero. Si è preso le sue responsabilità sulla gestione della crisi, se ne va “non certo soddisfatto”, mentre la Spagna è passata dal sogno all’incubo in un paio d’anni. E il 20 novembre, con alcuni mesi di anticipo sulla fine naturale della legislatura, si va a votare per decidere il suo successore. I popolari sentono la vittoria in tasca, di certo si apre una fase nuova… continua

Letteratura erotica. "Pornoterrorism"La casa editrice Txalaparta ha appena pubblicato un nuovo libro appartenente al genere della letteratura erotica, Pornoterrorismo, della spagnola Diana J. Torres, che parla della sua maniera di vivere il sesso in maniera differente dal solito… continua

Letteratura erotica. "Pornoterrorism"
La casa editrice Txalaparta ha appena pubblicato un nuovo libro appartenente al genere della letteratura erotica, Pornoterrorismo, della spagnola Diana J. Torres, che parla della sua maniera di vivere il sesso in maniera differente dal solito… continua

Spagna. Il giornalista spagnolo Victor Sandoval in una canzone chiede all’ex marito perchè l’ha lasciato
Porque me has abandonado
Un famoso giornalista di Telecinco, Victor Sandoval è stato lasciato vari mesi fa dal marito Nacho Polo… (ricordo che nella penisola Iberica i matrimoni omosessuali sono permessi) e dopo tantissimi dibattiti televisivi e numerose interviste ha deciso di pubblicare una canzone… continua

Spagna. La cittdina di Moclinejo vuol diventare la prima città gay al mondoVuole diventarlo Moclinejo, un comune spagnolo. A gennaio il referendum. Moclinejo, centro di poco più di mille abitanti, comune spagnolo dell’Andalusia, vuole diventare la prima cittadina gay al mondo.  L’idea è venuta al sindaco Antonio Munoz, che ha… continua

Spagna. La cittdina di Moclinejo vuol diventare la prima città gay al mondo
Vuole diventarlo Moclinejo, un comune spagnolo. A gennaio il referendum. Moclinejo, centro di poco più di mille abitanti, comune spagnolo dell’Andalusia, vuole diventare la prima cittadina gay al mondo. L’idea è venuta al sindaco Antonio Munoz, che ha… continua

San Sebastiano patrono dei gay?

Un’iniziativa degli organizzatori dell’Expo Gays in occasione del viaggio di papa Benedetto XVI a Madrid ha lasciato molti di stucco. Hanno deciso, infatti, di chiedere al Papa di riconoscere ufficialmente San Sebastiano come patrono dele persone Lgbt. Secondo loro infatti, ci sarebbero molti cattolici tra i gay che si rivogerebbero a San Sebastiano come patrono e come intercessore e, pertanto, sarebbe bene che la chiesa cattolica guardasse con un occhio di riguardo questi suoi figli dando loro un patrono.

San Sebastiano patrono dei gay?

Un’iniziativa degli organizzatori dell’Expo Gays in occasione del viaggio di papa Benedetto XVI a Madrid ha lasciato molti di stucco. Hanno deciso, infatti, di chiedere al Papa di riconoscere ufficialmente San Sebastiano come patrono dele persone Lgbt. Secondo loro infatti, ci sarebbero molti cattolici tra i gay che si rivogerebbero a San Sebastiano come patrono e come intercessore e, pertanto, sarebbe bene che la chiesa cattolica guardasse con un occhio di riguardo questi suoi figli dando loro un patrono.

Madrid. Proteste contro l’arrivo del Pontefice per la giornata mondiale della gioventù.

Più sperma per il calcio… Lo spot del Getafe, erotico o divertente?


L’insolita idea alla base dell ad del club spagnolo, che invita a donare sperma per crescere una nuova generazione di abbonati.

Crisi di abbonamenti per il Getafe
, un club calcistico spagnolo che nel disperato tentativo di rilanciare la sua popolarità tra il pubblico ha trovato un sistema davvero originale per farsi pubblicità: invitare tutti i tifosi a diventare donatori di sperma.

PIU’ SPERMA PER IL CALCIO - Il perché è chiaro: così nei prossimi 20 anni aumenteranno gli abbonati. Una specie di Baby Boom in salsa calcistica. Il video dello spot si apre con la panoramica di uno stadio vuoto. Sotto, le parole: “C’è un problema: siamo in pochi”. La voce fuori campo spiega che c’è una soluzione: ecco una banca del seme, ove un donatore di sperma mette da parte un contenitore di plastica. E gli viene consegnato un DVD, intitolato Zombies Calientes de Getafe.

ZOMBIE E SESSO - Il film, girato nello stile del porno anni 1970, mostra giovani donne in una stanza le cui pareti sono ricoperte di manifesti del Getafe, bandiere e sciarpe. Bevono una pozione che le trasforma in zombie pazze di sesso. L’idea è che il DVD sia talmente erotico che il donatore di sperma non possa avere difficoltà a dare il suo contributo. Nella ripresa successiva, una donna tiene in braccio un bambino, uno di una nuova generazione di fan Getafe. Il film termina con la rappresentazione grafica di uno spermatozoo di entrare un uovo e le parole: “Più sono e meglio”.

UN’IDEA SPIRITOSA – Il direttore marketing del club, José Antonio Cuétara ha detto che il film è “controverso ma molto interessante dal punto di vista pubblicitario”, aggiungendo che il club ha circa 9.000 abbonati, ma ha bisogno di più sostegno. Ángel Torres, che ha realizzato il film, ha detto che la campagna non è rivolta a tutti i tipi di pubblico, ma “solo a quelli con uno spiccato senso dell’umorismo”.

DAVIDE TRA I GOLIA DELLA LIGA - Il Getafe gioca nella massima divisione spagnola, la Liga spagnola, e deve competere per l’attenzione con i più famosi rivali locali, Real Madrid e Atletico Madrid, che hanno rispettivamente 85.000 e 42.000 abbonati. Torres, però, è ottimista. “Se la campagna avrà successo, dovremo costruire uno stadio più grande,” ha detto. (giornalettismo.com - Foto Babalaas (c) reserved)

Il Papa a Madrid. Domani manifestazione Glbt per i diritti di tutte le famiglie.

Una manifestazione “per i diritti di tutte le famiglie” e’ stata convocata per domani sera alle otto a Madrid dalla Fundacion Triangulo, associazione che si batte per i diritti dei gay, lesbische e transessuali.

Contestazione dei gay a Madid. Un bacio contro il Papa.Come a Barcellona nel novembre scorso, anche a Madrid Papa Ratzinger è  stato accolto simbolicamente da una «besada popular» organizzata da  collettivi gay per protestare contro la politica della Chiesa nei  confronti della omosessualità. Ma nella capitale l’intervento della  polizia spagnola ha fatto fallire parzialmente la protesta.
Convocati da un collettivo gay, un centinaio di omosessuali e lesbiche  che intendevano baciarsi pubblicamente sulla calle Serrano davanti alla  papamobile di Bendetto XVI è stato intercettato dagli agenti un’ora  prima del passaggio del papa. I manifestanti sono stati tenuti ad alcune  decine di metri di distanza dalla strada percorsa dal Pontefice. Si  sono allora baciati sulla bocca davanti ai poliziotti.
La «besada popular» avrebbe dovuto prodursi davanti alla papamobile. Gli  organizzatori hanno detto che con il bacio collettivo in pubblico  volevano respingere «le condanne moralistiche sulla sessualità» espresse  dal Vaticano.

Contestazione dei gay a Madid. Un bacio contro il Papa.
Come a Barcellona nel novembre scorso, anche a Madrid Papa Ratzinger è stato accolto simbolicamente da una «besada popular» organizzata da collettivi gay per protestare contro la politica della Chiesa nei confronti della omosessualità. Ma nella capitale l’intervento della polizia spagnola ha fatto fallire parzialmente la protesta.

Convocati da un collettivo gay, un centinaio di omosessuali e lesbiche che intendevano baciarsi pubblicamente sulla calle Serrano davanti alla papamobile di Bendetto XVI è stato intercettato dagli agenti un’ora prima del passaggio del papa. I manifestanti sono stati tenuti ad alcune decine di metri di distanza dalla strada percorsa dal Pontefice. Si sono allora baciati sulla bocca davanti ai poliziotti.

La «besada popular» avrebbe dovuto prodursi davanti alla papamobile. Gli organizzatori hanno detto che con il bacio collettivo in pubblico volevano respingere «le condanne moralistiche sulla sessualità» espresse dal Vaticano.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
728x90 Offerta Grecia